Contattami all'indirizzo » matteo.mentuccia@psycoaching.eu

Ansia e attacchi di panico: cosa rappresentano?

Martedì, 22 Maggio 2018 14:04 Scritto da 
Navigando sul web mi sono accorto che ci sono tantissimi articoli che parlano di ansia e attacchi di panico strutturati in elenchi di sintomi per riconoscerli. Proprio per questo motivo, ho deciso che te ne parlerò in modo differente, spiegandoti il significato di queste due problematiche ossia quello che rappresentano.


L'ansia e gli attacchi di panico sono due delle problematiche più comuni che oggigiorno rendono la vita difficile a moltissime persone. Generalmente le cause che scatenano tali problematiche vengono identificate in stili di vita stressanti, fattori genetici ereditari, disequilibri di sostanze chimiche presenti nel cervello, preoccupazione per la propria salute, ecc. e nei casi più gravi possono trasformarsi in veri e propri disturbi (es. Disturbo d'ansia generalizzata, Disturbo da attacchi di panico, ecc.).

Prima di affrontare il significato dell'ansia e degli attacchi di panico, vediamo però cosa sono e in che consistono.

L'ansia è una condizione fisiologica naturale che è presente in tutte le persone. Generalmente viene considerata un qualcosa di negativo ma è invece un'importante risorsa per te perché producendo uno stato di attivazione dell'organismo, davanti ad una situazione percepita come pericolosa, ti aiuta a proteggerti dai rischi e a mantenere uno stato di allerta per poter affrontare il pericolo o un qualcosa di impegnativo come ad esempio un esame importante.
Quando sei in ansia, ciò che senti è un aumento della frequenza del respiro e del battito cardiaco, sudorazione, tensione muscolare, vertigini, ecc., tutte sensazioni normali che si trasformano in patologiche nel momento in cui diventano eccessive e invalidanti.

Gli attacchi di panico, invece, sono brevi episodi di ansia intollerabile che hanno una durata di 20 minuti circa. Generalmente si presentano improvvisamente come fulmini a ciel sereno quando l'ansia raggiunge dei picchi molto elevati. Quando un attacco arriva, i 20 minuti sembrano non passare mai e sono i più brutti della tua vita perché avverti tachicardia, sudorazione, vampate di calore, sensazioni di soffocamento, senso di svenimento, paura di impazzire e di morire. Quando questo accade l'esperienza vissuta è così brutta che si innesta la paura di sentirti male di nuovo, la paura quindi di doverti trovare un'altra volta a rivivere quelle interminabili brutte sensazioni.

Ora che abbiamo visto cosa sono l'ansia e gli attacchi di panico e in cosa consistono, possiamo dedicarci a capire cosa rappresentano.
Entrambi possono essere considerati semplicemente come dei campanelli di allarme che ti dicono che nella tua vita c'è qualcosa che non va e che necessita di essere sistemata. Quando vivi delle situazioni personali, relazionali, lavorative che ti procurano sofferenza, la tua mente ti da dei segnali. Alcuni di essi possono essere la presenza di disturbi somatici come ad esempio dermatiti, cefalee, problematiche al colon, tutte vie che la tua mente usa per comunicare con te e farti capire che devi assolutamente mettere le mani su ciò che ti sta facendo del male, su ciò che ti sta facendo soffrire. In questi termini, anche l'ansia e gli attacchi di panico svolgono la stessa funzione.

Generalmente la maggior parte della persone, quando è in balia di queste problematiche, si rivolge ad uno psichiatra che con utilizzo dei farmaci tampona i sintomi o li mette a tacere. Ebbene si hai letto bene, TAMPONA e LI METTE A TACERE. Ansia e attacchi di panico, infatti, sono semplicemente sintomi che attraverso i farmaci possono essere messi a tacere. Il problema è che questa è la via giusta per diventare schiavo dei farmaci perché appena smetterai di prenderli, tutti quello che magicamente era sparito, tornerà a farti visita. Questo accade perché gli psicofarmaci non risolvono le problematiche alla radice ma vanno a determinare dei cambiamenti nel cervello che a loro volta nascondono i fastidiosi sintomi. Sia chiaro che non sto dicendo che i farmaci non sono utili, perché in alcuni casi sono necessari. Sto dicendo, invece, che da soli non risolvono il problema e per uscirne completamente devi mettere le mani su quelle situazioni che te lo hanno prodotto e risistemarle. 
Ora che hai capito come funziona, se soffri di ansia, di attacchi di panico o di somatizzazioni varie, abbi il coraggio di affrontare ciò che ti sta danneggiando e se da solo non ce la fai, fatti aiutare da un professionista.
Ricorda anche chiedere aiuto è un atto di coraggio!
Un saluto

Dr. Matteo Mentuccia
 
Ultima modifica il Domenica, 03 Novembre 2019 17:15
Letto 856 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Articoli correlati (da tag)

  • La relazione tra ansia e alimentazione
    Oggi ti propongo un articolo che tratterà di una condizione psicologica comune a tutte le persone ossia l'ansia e il nesso che ha con l'alimentazione.
  • Convinzioni: come si creano e come cambiarle
    Molto spesso nella nostra testa ci sono delle convinzioni che non sappiamo perché sono lì e come abbiamo fatto a crearle.
    Oggi ti propongo un articolo che tratta proprio di questo ed in particolare ti parlerò di come le convinzioni si strutturano anche se non ne siamo consapevoli.
  • Psicoterapia o psicofarmaci...cos'è meglio?
    La vita spesso e volentieri ci mette alla prova facendoci affrontare situazioni difficili, quasi per testare di che pasta siamo fatti. In queste situazioni ognuno risponde in modo diverso, ci sono persone che sono forti e che riescono a tenere botta mentre ce ne sono altre che sono più deboli e si trovano a combattere con ansia, attacchi di panico, depressione, perché non riescono a far fronte a ciò che gli è capitato. Se tu appartieni a questa categoria ti sarai chiesto come fare per tornare a stare bene come prima e sicuramente avrai preso in considerazione alcune possibilità del tipo: mi faccio seguire da uno psicoterapeuta? Vado dal dal medico di famiglia e mi faccio dare qualcosa che mi aiuta o mi rivolgo direttamente allo psichiatra per farmi dare farmaci più seri?
    In questo articolo ti spiego come fare ad orientarti nelle scelta migliore.
  • Come migliorare l'autostima in 10 passi
    Molto spesso avrai sentito parlare di persone che hanno problemi di bassa autostima, che non credono in sè stesse e che come conseguenza inevitabile non si avventurano mai in qualcosa che potrebbe piacergli per paura di non riuscire.
    Se anche tu hai problemi di autostima, questo è un articolo che potrebbe interessarti perché ti svelo i 10 passi per poterla migliorare.

Dove mi trovi

Dr. Matteo Mentuccia
Mental Coach | Psicologo | Psicoterapeuta

Via Fontana dell'Oste, 62 - 00034 - Colleferro (RM)
Via Tocra, 7 - 00199 - Roma

349 6363834 | matteo.mentuccia@psycoaching.eu

P.IVA: 14127391002

Commenti recenti